Le specializzazioni: corso di cera e di microfusione, corso di smalto, corso di incisione, corso di incassatura, corso di traforo

Corso di incassatura Corso di incassatura Corso di smalto Corso di microfusione Corso di incisione Corso di cera Corso di traforo

Corsi di specializzazione in arti orafe

Corso di cera e di microfusione

Realizzazione di pezzi scultorei per l'oreficeria.

I vari tipi di cera e la loro duttilità nella modellazione, le tecniche dell'utilizzo della fusione a cera persa, la preparazione della cera e i sistemi per renderla più o meno plasmabile, le attrezzature per modellarla, i rapporti di peso fra i prototipi in cera ed il manufatto finale.

Le tecniche di utilizzo della fusione a cera persa, gli strumenti e i macchinari dell'intero processo: dalla modellazione alla fusione con stampi in silicone a caldo e riproduzione delle cere con iniettore.

Operazioni di pulitura e finitura dell'oggetto realizzato.

Galleria fotografica :: Cera e Microfusione

 

Corso di smalto

La smaltatura è un’antica tecnica di lavorazione molto usata anche nell’antico Egitto. Viene applicata su superfici metalliche o parti di esse. Viene eseguita con materiali simili al vetro, trasparenti od opachi, generalmente colorati. Le diverse colorazioni degli smalti sono dovute agli ossidi metallici che vengono utilizzati per la loro composizione. La smaltatura viene da noi applicata, in oreficeria e in argenteria, per dare agli oggetti un particolare pregio.

Le fasi della lavorazione sono la preparazione delle polveri, il decapaggio delle superfici metalliche da smaltare, l’ applicazione delle polveri sulle superfici. Segue poi Il passaggio ripetuto dell'oggetto da smaltare in forno, per fondere e solidificare lo smalto e la rifinitura delle parti smaltate con abrasivi e acido fluoridrico. Nella lavorazione di smaltatura a caldo rientrano le seguenti tecniche: cloisonné, champlevé, cattedrale e miniatura.

Galleria fotografica :: Smalto

 

Corso di incisione

L’incisione in oreficeria è una tecnica che serve ad abbellire e decorare manufatti di ogni tipo.

Consiste nella rimozione di materiale dall’oggetto stesso, senza l'ausilio di macchine, in modo tradizionale, utilizzando manualmente ciappole e bulini.

Le incisioni vengono eseguite su lastre piane e curve, seguendo un disegno precedentemente riportato. Con questo tipo d’incisione è possibile realizzare inoltre monogrammi e stemmi a sigillo per ceralacca, o addirittura conii in acciaio per stampare medaglie e fregi vari. E’ con l’incisione che si preparano gli oggetti per l'applicazione di smalti, cloisonné o champlevé.

L’incisione è una tecnica che trova applicazioni varie per modi, forme e materiali. Serve a creare clichés a graffito, su rame o altri metalli, per la stampa di scritte e disegni su carta con l'antica tecnica del "torchio". Si usa inoltre per la scrittura di dediche, monogrammi e blasoni, per esempio, su pezzi di argenteria.

Galleria fotografica :: Incisione

 

Corso di incassatura

L'incassatura, o incastonatura è il procedimento con il quale l'incassatore fissa le gemme, con varie modalità, nelle cavità realizzate in precedenza dall'orafo. L'incassatore dovrà adattare (assestare) perfettamente tali cavità alla forma, alla misura ed al taglio delle singole gemme. Le abilità e le competenze che deve possedere l’incassatore nascono prima di tutto dalla precisione, dall’attenzione e dall’esperienza nell’impiego di tecniche, strumenti, utensili e attrezzature d'uso tradizionale. Ma ciò che distingue un bravo incassatore è la sua personale capacità di intervenire con soluzioni proprie. Tra i vari tipi di incassatura abbiamo quella a lastra, a castone ribattuto, a grane, con puntine e ricci, a binario, a pavè, a griffes ed invisibile.

Galleria fotografica :: Incassatura

 

Corso di traforo

Il traforo è essenziale per la costruzione dei gioielli; indispensabile per ritagliare dalla lastra grezza le varie parti costitutive del gioiello, che poi verranno assemblate per mezzo della saldatura.

Con il traforo si ottengono i più svariati tipi di decori ed ornati, allo scopo di rendere il gioiello più leggero, più elegante, con l'alternarsi di vuoti e di pieni. Dopo aver riportato sulla lastra il disegno decorativo prescelto (tracciatura), con la lama del seghetto si procede poi al traforo della lastra stessa, seguendo con cura il contorno della decorazione o del pezzo tracciato.

Il traforo permette inoltre di preparare, per particolari tipi di incassatura, l’aggiornatura. L’aggiornatura consiste in un allargamento della parte sottostante al foro; in questo modo la gemma prende luce anche dal basso ed il gioiello, nella sua parte posteriore, si dota di una finitura di particolare pregio.

Galleria fotografica :: Traforo

 

Corso di sbalzo e cesello

Lo sbalzo e il cesello sono tecniche di lavorazione che, in oreficeria, vengono solitamente utilizzate insieme: la prima viene eseguita sul rovescio (verso) di una lamina metallica sulla quale è stato precedentemente tracciato un disegno o un motivo decorativo, mentre la seconda viene eseguita sul diritto (recto) della lamina stessa.

La lavorazione a sbalzo è un’antichissima tecnica attraverso la quale un disegno o un motivo decorativo vengono riprodotti in rilievo per deformazione plastica a freddo della lamina metallica: la lastra viene fissata su un apposito supporto mobile, la cui superficie è costituita di materiale cedevole e la lamina si lavora al rovescio (verso) con mazzuoli e ferri dalla punta smussata e arrotondata.

La lavorazione a cesello, anch’essa antichissima, è una tecnica complementare e successiva a quella dello sbalzo, in quanto viene utilizzata per eseguire la rifinitura delle deformazioni plastiche prodotte sulla lastra mediante mazzuoli e ceselli, ovvero ferri simili ai precedenti ma di dimensioni più ridotte e di forme particolari: sul diritto (recto) della lastra metallica deformata a sbalzo, i contorni del disegno o del motivo decorativo vengono rifiniti e se ne aggiungono di nuovi, più minuti e precisi, eseguiti con leggeri colpi di cesello.

Galleria fotografica :: Sbalzo e Cesello

 

Corso di micro pavè

Questa tecnica consiste nel lastricare l’intera superficie con fitte file di pietre, permettendo a tutte le superfici, indipendentemente dalla loro dimensione, di essere fasciate dalla pietra preziosa.

L’utilizzo di questa tecnologia permette maggior precisione nei passaggi tradizionali di bucatura e di incassatura: non utilizza infatti il microscopio solo per l’ingrandimento, ma specificatamente per il montaggio delle pietre preziose sui monili e sui gioielli. Si utilizzano simultaneamente la sfera e gli attrezzi del mestiere (bulino elettronico ad aria compressa), in modo da ottenere la massima precisione.
La tecnica del micro pavè permette inoltre di ridurre al minimo il metallo visibile tra le pietre, creando dei piccoli ‘grain’ o granette per trattenerle, in modo che diventino quasi invisibili ad occhio nudo.
Ciascuna granetta viene arrotondata e perfettamente levigata in modo uniforme, eliminando imperfezioni o ruvidità, così che anche il tessuto più delicato possa scivolarvi sopra senza smagliarsi.

Galleria fotografica :: Micro Pavè

 

Specializzazione in arti orafe
prezzi dei corsi 2019

Cera e microfusione 108 ore in 12 settimane € 1470
Smalto 108 ore in 12 settimane € 1600
Incisione 96 ore in 12 settimane € 1420
Incassatura 132 ore in 12 settimane € 2100
Traforo 96 ore in 12 settimane € 1530
Micro-pavé 36 ore in 4 settimane € 850
Sbalzo e cesello 36 ore in 4 settimane € 900

 

Specializzazioni in corsi di gioielleria: traforo e incassatura

Pratica nel corso di smalto