L' arte orafa nella esperienza degli insegnanti

Docente di design del gioiello Insegnanti di gioielleria Maestri della scuola orafa Insegnate corso orafo Insegnanti di gioielleria Docente del corso di oreficeria

I maestri di arte orafa della scuola

Gli insegnanti di arte orafa, titolari dei corsi, sono quotidianamente coadiuvati dagli assistenti, competenti per le singole tecniche. Gli assistenti svolgono anche un importantissimo lavoro di intermediazione linguistica laddove si renda necessario. Parlano inglese, francese, spagnolo, tedesco, russo e giapponese.

I nostri insegnanti ed i nostri assistenti hanno una caratteristica che li accomuna tutti: una grande capacità comunicativa e di trasmissione del loro saper fare, acquisita in molti anni di esperienza lavorative e scolastica. Sono in grado perciò di formare studenti consapevoli anche delle questioni collegate alla realizzazione e produzione del gioiello, ai problemi estetici e formali legati alla portabilità, all'evoluzione degli stili ed ai vincoli del mercato e della committenza in genere. Li aiutano ad indirizzare le loro scelte sia sulla base della predisposizione, per una tecnica o per l'altra, sia sulla base delle evoluzioni del mercato.

Nella scuola si respira un'atmosfera di grande collaborazione e disponibilità.

Tutti considerano quest'ultima condizione indispensabile al processo di apprendimento.

 

Intervista con i maestri insegnanti di arte orafa

Le tipologie di gioielli nel 300

Coloro che utilizzavano i gioielli erano uomini, donne e bambini. Per questi ultimi erano prodotti monili utilizzando vetri colorati al posto delle gemme.

Gli uomini nobili utilizzavano foderi per spade, speroni, cinture e spille. Le donne spille, collane, orecchini e braccialetti.

Negli ultimi anni del '300, contemporaneamente alla moda di accentuare le scollature degli abiti, si diffuse l'uso di indossare collane con ciondoli.

Il gioiello più diffuso in questo periodo è la spilla, costituita quasi sempre da un anello con ago centrale, aveva la funzione pratica di bloccare i mantelli.

Arte orafa: particolare

Piero della Francesca,
particolare dal ritratto di Federico da Montefeltro
e sua moglie Battista Sforza, 1465-66.

 

Altro prodotto orafo molto utilizzato, sia dagli uomini sia dalle donne, erano le cinte che potevano essere decorate ed avere fibbie e borchie d'argento.

Gli anelli erano indossati su tutte le dita della mano, pollice compreso. Per il fidanzamento ed il matrimonio si utilizzava un unico tipo di anello che durante la cerimonia veniva infilato al terzo dito della mano destra della sposa.